Giardinaggio scientifico naturalistico

 

Le geofite

 

i bulbi, i cormi o bulbo tuberi, i tuberi, i rizomi le radici tuberiformi

 

bulbi sono delle vere e proprie piccole  piante complete. Anche se sono modificate e non sono esattamente come noi siamo abituati a conoscere una pianta 

 

Sono provvisti di un fusto molto piccolo accorciato, chiamato girello. Hanno delle foglie chiamate catafilli queste sono avvolte intorno alla gemma  Poi abbiamo anche le radici.

Quindi delle piante vere e proprie.

 Immaginate una cipolla che è un bulbo. I catafilli sono le sue foglie e, contengono le sostanze di riserva e quelli esterni hanno una consistenza cartacea. Esistono anche altri tipi di bulbi che sono i bulbi squamosi come i gigli essi sono formati da squame ispessite e triangolari disposte una sull'altra.

Giacinti narcisi e tulipani sono bulbi a tutti noti.

 

Esistono poi i cormi o bulbo tuberi.

Essi sono formati da piccoli  tuberi avvolti da foglie papiracee. Al centro del tubero c'è la gemma che prende il nutrimento dal tubero stesso nella parte inferiore del colmo ci sono le radici e i bulbilli. Questi, staccati, danno origine a nuove piante. Appartengono a questo gruppo i gladioli, le fresie, i crochi, le iris bulbose

 

I tuberi

i tuberi sono fusti sotterranei il cui midollo è ingrossato e fa da deposito di sostanze di riserva. Essi sono compatti e solidi e sono più o meno uniformi all'esterno del tubero ci sono le gemme dalle quali, quando c'è la ripresa vegetativa, nascono le foglie, i fusti aerei e le radici.

 

Esempi:Patata anemone begonia tuberosa.

 

i rizomi anche essi sono fusti ispessiti, duri, prolungati e si sviluppano sotto terra anche in questo caso fungono da riserva di sostanze alimentari  per le gemme che si formano ai lati o a una estremità. In alto lanciano le foglie aeree ed in basso si estendono con le radici. Crescono orizzontalmente formando tutti gli anni una nuova porzione e perdendo quella della parte opposta perché invecchiata. Per questo si dice che i rizomi camminano. Sono rizomi alcune iris, i mughetti molte piante acquatiche come le ninfee e la canna indica.

 

Ci sono poi  le radici tuberiformi

 

Tali radici sono ingrossate e contengono materiale di riserva però per la ripresa vegetativa hanno la necessità di essere attaccate ad almeno una piccola parte di fusto aereo, perché è da quest'ultimo che partono le gemme. Esempi sono dalia, il mughetto, la peonia e l'alstroemeria.

 

La caratteristica principale di tutte queste piante geofite è quella di essere dormienti in certi periodi dell'anno per poi svilupparsi in altri periodi.

 

In tutto il periodo del ciclo (dormiente e attivo) esse si accrescono sia come numero di altri bulbi, sia come grandezza dei singoli bulbi. Quindi questi ulteriori bulbi possono essere staccati preparati e ripiantati successivamente.

queste piante quindi possono essere considerate piante perenni.

Dal momento che nella stessa area si possono piantare sia piante autunnali (che vengono piantate in primavera) sia piante primaverili ( che vengono piantate in autunno), possiamo avere aree che sviluppano in continuazione fiori., Per piantare bene, è importante scegliere i periodi prescritti